TerritorioAnno 2 N°4

Istituito il premio “Città di Foggia U. Giordano”

Condividi

Il premio “Città di Foggia – Umberto Giordano” – assegnato in una prima edizione pressoché estemporanea a Renzo Arbore, e di cui parliamo in questo numero di ‘Diomede’ – è stato ufficialmente istituito e dal prossimo anno rappresenterà uno dei momenti di punta del cartellone culturale della città.
Il riconoscimento celebrerà la capacità e il valore di personaggi, enti o associazioni che nel corso degli anni si sono particolarmente distinti in àmbito culturale, promuovendo il territorio attraverso l’impegno e la professionalità. L’intitolazione del premio al musicista foggiano, inoltre, potrà contribuire ulteriormente a tenerne vivo il ricordo. La commissione per l’individuazione del candidato o dei candidati all’assegnazione del premio sarà composta dall’Assessore Comunale alla Cultura, in qualità di Presidente, e da due componenti individuati nel dirigente del servizio cultura e in un giornalista, che sarà scelto di anno in anno.
«Abbiamo creduto fin da subito nella necessità di istituire questo riconoscimento e siamo riusciti nel nostro intento – è il commento dell’assessore alla Cultura, Rocco Laricchiuta -. Il premio Umberto Giordano, nato sull’onda di una semplice intuizione, si appresta a diventare una realtà che ci auguriamo possa divenire, nel tempo, un appuntamento importante per la città e il territorio provinciale, fino a diventare la manifestazione di punta della nostra programmazione culturale, arricchendola con eventi correlati. Crediamo sia indispensabile ritornare a credere nelle potenzialità della nostra Foggia e dei suoi cittadini. E per dare forza a questa convinzione, destinare un riconoscimento a coloro che hanno contribuito a far crescere la nostra città può essere un buon esempio per tutti».

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.