TerritorioAnno 2 N°3

Turismo sostenibile, Pietra c’è

Condividi

Creazione di un’offerta più adeguata alla domanda, potenziamento di servizi e strutture, attivazione di progetti ‘a sostenibilità totale’: il 2010, a Pietramontecorvino, sarà l’anno del turismo, con azioni strategiche per la rigenerazione urbana, la promozione del territorio, la realizzazione di sinergie con i comuni dell’area montana.

LE CERTIFICAZIONI DI QUALITA’
Pietramontecorvino ha già ottenuto importanti certificazioni delle proprie qualità turistiche e ambientali. Dopo il marchio de “I Borghi più belli d’Italia”, lo scorso febbraio il Touring Club (vedi ‘Diomede’ n. 2/2010) ha assegnato al Comune la “Bandiera Arancione”, un marchio estremamente selettivo. La Bandiera Arancione dà la garanzia di poter contare su un meccanismo efficiente ed efficace di promozione territoriale. Le località certificate rientrano nel Piano di Comunicazione del Touring Club e in un percorso di verifica biennale che impone continui miglioramenti non solo dell’offerta turistica ma anche dei servizi ai cittadini.

L’OSPITALITA’ DIFFUSA
Pietra è stato selezionato dalla Regione nel gruppo dei 20 paesi in cui avviare “Hospitis”, un progetto pilota per realizzare concretamente l’idea dell’ospitalità diffusa, una formula ricettiva e turistica basata sulla rigenerazione urbana e un migliore livello complessivo di fruibilità del patrimonio d’interesse racchiuso nei borghi dell’entroterra. Pietramontecorvino, anche in questo ambito, si sta attrezzando per far parte di un sistema capace di raccontare e valorizzare esperienze, valori, sapienze, arte e biodiversità ancora presenti nei piccoli centri, nelle ex terre marginali che si candidano a diventare centrali nella promozione di pratiche e politiche volte ad accrescere la qualità della vita.

LE STRUTTURE
A breve, la Torre Normanno-Angioina, vero e proprio gioiello del complesso monumentale di Terravecchia, ospiterà il Museo Virtuale dei Monti Dauni. Visitando la struttura, si potrà compiere un primo viaggio virtuale all’interno dei centri visita tematici di tutta l’area. Entro l’estate, inoltre, saranno completati i lavori per la realizzazione del Centro Polivalente. Teatro, formazione, spazio di ideazione e confronto: la struttura che sta prendendo forma accanto alla scuola di San Pardo è unica nel suo genere in tutta l’area dei Monti Dauni. Sarà dotata di un sistema che permette il risparmio termico, grazie a convogliatori d’aria e pareti ventilate. Posta su tre piani, domina dall’alto la vista sul borgo medievale di Pietramontecorvino.

IL PIST ‘PARCO DELLA SALUTE’
Con il Piano Integrato di Sviluppo Territoriale ‘Parco della Salute’, che mette insieme otto comuni dei Monti Dauni, a Pietramontecorvino è prevista la realizzazione di un Centro diurno per disabili (già finanziato) e la realizzazione del Parco archeologico naturalistico di Sant’Onofrio. Il progetto, inoltre, prevede il completamento della riqualificazione del borgo medievale, la realizzazione del percorso storico verso il sito archeologico di Montecorvino e il recupero dei borghi rurali (Casone, Caserma Forestale e Casone Castellana) ad uso ricettivo, con interventi sul sistema dei percorsi, la riqualificazione della pineta “Collerosso” e la valorizzazione del sito archeologico di Montecorvino.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.