TerritorioAnno 2 N°3

Lo chef Giacomo Scirpoli secondo nel Concorso internazionale di cucina

Condividi

È considerato uno dei migliori chef di cucina attualmente in circolazione e il suo più recente exploit internazionale è stato il 2° posto conseguito nel recente Campionato Mondiale “della pasta e della pizza”, svolto a Salsomaggiore Terme.
Giacomo Scirpoli, viestano 36enne, è uno dei tanti “prodotti” usciti dall’Istituto alberghiero “Enrico Mattei” della cittadina garganica che – come opportunamente ricorda il collega Gianni Sollitto – «continua a fornire alle varie strutture turistiche italiane ottimi elementi da impiegare nei vari servizi offerti».
Presentatosi alla manifestazione internazionale di Salsomaggiore dopo aver sostenuto diverse selezioni – alla prima erano presenti in cinquecento, poi ridottisi a cinquanta – Giacomo Scirpoli è così giunto in finale con altri quattro ottimi chef.
Ai finalisti la giuria ha permesso di preparare menu liberi, a condizione che i prodotti utilizzati provenissero dal proprio territorio di origine. Il piatto presentato dallo chef viestano – denominato “Tra terra e mare” – è stato particolarmente apprezzato tanto che i giurati lo hanno premiato col 2° posto.
Alla ripresa delle trasmissioni, tra fine settembre e ottobre, vedremo Giacomo Scirpoli su Raiuno, ospite del programma “La prova del cuoco”.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.