Interventi & ContributiAnno 3 N°7

Il regalo più bello

Condividi

Sai, mammina, cosa mi è capitato?
L’altra mattina, cercando cartoni ho cambiato canale e mi son soffermato a guardare dei bimbi con gli occhi “più buoni”…
È da allora che spesso mi tornano in mente e a pensarci ho capito che probabilmente non solo son buoni ma c’è tanta tristezza in quegli occhi che parlan di fame e amarezza: fame di cibo, di amore e di pace, è un silenzio che grida, è un urlo che tace!
Dentro una pelle più scura e diversa e in quella terra lontana e dispersa, c’è un cuore stanco che lotta e che spera che quella pelle non sia sempre nera, ma che si guardi ben oltre i colori, oltre le razze e le cose esteriori che è un cuore di bimbo: è come il mio, e posso fare qualcosa anche io!
Se ognuno donasse un soldino soltanto sono sicuro, si potrebbe far tanto. Senti, mammina, ho un’idea geniale: vestiamoci noi da Babbo Natale!
Quest’anno non voglio un regalo costoso, mi basta un piccolo orsetto peloso, così quel che resta lo possiamo portare in quel posto lontano, al di là del mare.
Con le renne e la slitta andremo lontano E tu, orgogliosa, mi terrai per mano.
Non siamo ricchi ma donare un soldino può aiutare quei bimbi almeno un pochino.
Vorrei che da oggi, cercando cartoni, riveda ancora quegli occhi “più buoni”,
con meno tristezza, un po’ più felici perché hanno trovato dei nuovi amici.
Questo sì che sarebbe un regalo speciale per festeggiare davvero un Felice Natale!

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.