IeriOggiDomaniAnno 2 N°4

Fondazione Musicalia: il secondo seminario sul “Metodo Gordon”

Condividi

Nei giorni 30 e 31 ottobre la Fondazione Musicalia della Fondazione Banca del Monte organizza il secondo seminario “Gordon” sullo sviluppo  dell’Audiation nella pratica strumentale. Attraverso questo seminario sarà possibile, in modo pratico, applicare il “metodo Gordon” nell´insegnamento specifico strumentale. L’Audiaton consiste nella capacità di “sentire e comprendere nella propria mente la musica che non è fisicamente presente nell´ambiente”, come dice il suo stesso ideatore Edwin E. Gordon, ovvero di pensare la musica mantenendo nella mente quanto già eseguito o ascoltato, prevedendo, al tempo stesso, quanto si sta per eseguire.
Ancora una volta, il seminario è gratuito e prevede un numero di iscritti limitato a soli 30 allievi. La durata del corso è di 12 ore di lezione e prevede la partecipazione straordinaria, del braccio destro di Gordon, il Maestro Andrea Apostoli. Le adesioni possono essere notificate alla Fondazione Musicalia entro 25 ottobre 2010, anche tramite una domanda spedita via email all’indirizzo fondazionemusicalia@ fondazionebdm foggia.com
Gli orari di frequenza del corso: sabato 30 dalle 13 alle 18, domenica 31 dalle 10 alle 18, pausa pranzo dalle 13.30 alle 14.30. Per informazioni tel.  0881.712182.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.