AttualitàAnno 2 N°4

Presto anche a Foggia, Manfredonia e Vieste il servizio di “Bike Sharing”

Condividi

È stato firmato a Palazzo Dogana il protocollo d’intesa tra l’Amministrazione Provinciale di Foggia ed i Comuni di Foggia, Vieste e Manfredonia che definisce modalità e funzionamento del servizio di Bike Sharing (bicicletta condivisa), inserito nel Piano Triennale per l’Ambiente e finanziato con i fondi regionali destinati alla mobilità sostenibile. Presenti alla firma del documento il Presidente della Provincia, Antonio Pepe, l’Assessore Provinciale alle Risorse Ambientali, Stefano Pecorella, il Sindaco di Foggia, Gianni Mongelli, quello di Vieste, Ersilia Nobile e l’Assessore alla Sicurezza, Pubblica Istruzione e Sport del Comune di Manfredonia, Anna Rita Prencipe.
«Per garantire un adeguato livello di tutela dell’ambiente e di decongestionamento del traffico cittadino– hanno commentato all’unisono i sottoscrittori del protocollo – è necessario diffondere una maggiore consapevolezza di come l’utilizzo della bicicletta negli spostamenti urbani possa produrre immediate e positive ricadute in termini di snellimento della mobilità e di abbassamento dei livelli di inquinamento».
Complessivamente, nei tre centri della Capitanata saranno ‘immesse’ 208 biciclette (del modello ‘city bike’), cui si aggiungeranno le 352 (due per ogni scuola) che la Provincia donerà agli istituti scolastici superiori della provincia di Foggia. Nel capoluogo dauno, le bici saranno regalate anche alle scuole elementari e medie. Prima del collaudo e della consegna delle opere, le Amministrazioni comunali e la Provincia individueranno congiuntamente il soggetto gestore che dovrà garantire uno specifico sportello front-office a servizio dei fruitori del servizio. Nella città di Foggia le postazioni per il ritiro delle biciclette saranno posizionate nelle seguenti aree: Parcheggio Ginnetto, Via Diomede (8 bici); Parcheggio Zuretti, C.so Roma (8 bici); Parcheggio Municipio, C.so Garibaldi (8 bici); Parcheggio stazione FF.SS., P.le Vittorio Veneto (8 bici); Provincia di Foggia, Via Telesforo (8 bici); Università, Via Amm. Da Zara (12 bici); Comune/ Università, Via Gramsci (8 bici); Ospedali RR., Viale L. Pinto (8 bici); Ente Fiera, C.so Mezzogiorno (8 bici); Municipio VV.UU., Viale Manfredi (8 bici); VV.UU. Rione Candelaro, Viale Candelaro (8 bici); Capolinea ATAF C.E.P., Viale Kennedy (8 bici). Le rastrelliere fisse già presenti in città saranno inoltre integrate con ulteriori 20 rastrelliere ciascuna da 10 posti. Dieci rastrelliere saranno collocate in Piazza Cavour, Piazza S. Pio X, Via Duomo, Piazza Giordano – Uffici Statali, Corso del Mezzogiorno – Gema, Via Rotundi ITIS Altamura , Via Dante, Via Grecia – Poliambulatorio A.S.L., C.so Vittorio Emanuele – Isola pedonale, Piazza del Lago. Per le restanti si procederà all’ubicazione su indicazione dell’Ufficio al Traffico del Comune di Foggia.
Nella zona di Manfredonia, invece, le postazioni saranno collocatea Siponto, Piazza S.Maria di Siponto (4 bici); Siponto,
Litoranea del sole angolo viale Stella Maris (4 bici); Area Verde zona Castello, C.so Manfredi (8 bici); Manfredonia Nord, P.za S. Michele Arcangelo (4 bici); Area prosp.Ospedale, Via Trento (4 bici); Tribunale litoranea, Viale Miramare (8 bici); Stazione ferroviaria, Viale Aldo Moro (8 bici); Municipio, Piazza del Popolo (8 bici).
Per Vieste, infine, la collocazione sarà in Lungomare Mattei, Camping 3 stelle (8 bici); Lungomare Mattei, L’Oasi (8 bici); Viale Italia-P.za Kennedy (4 bici); Lungomare Europa, Baia degli Aranci (8 bici); Contrada Molinella, Camping Molinella (8 bici); Lungomare Amerigo Vespucci, Centro ormeggi e sub (8 bici); Lungomare Europa, Parco Carabella (8 bici); Litoranea Vieste-Peschici, Le Diomedee (8 bici). Per utilizzare le biciclette sarà necessario entrare in possesso di una apposita chiave codificata che, inserita nel dispositivo presente nella rastrelliera, permetterà all’utilizzatore di sganciare la bicicletta, mentre la chiave codificata rimarrà ancorata nel dispositivo a serratura della rastrelliera, al fine di consentire agli uffici di individuare il suo possessore in mancanza della bicicletta.
La chiave codificata potrà essere ritirata, previo il versamento di un deposito cauzionale di 10 euro (che potrà essere restituito alla riconsegna della chiave codificata) presso gli uffici competenti previsti dei Comuni e della Provincia di Foggia, previa compilazione e sottoscrizione di un modulo di richiesta in cui saranno riportati i dati anagrafici del richiedente, il numero di serie della chiave codificata rilasciata e gli obblighi contrattuali a cui è sottoposto il sottoscrittore e titolare della chiave stessa. Per aver diritto all’attribuzione della chiave codificata che consente l’utilizzo della bicicletta occorrerà avere compiuto 18 anni di età. Ai minorenni sarà consentito l’utilizzo del servizio solo con sottoscrizione da parte di un familiare maggiorenne.
Sul piano pratico le biciclette dovranno essere utilizzate esclusivamente all’interno del territorio della città in cui è attivo il servizio. Dopo il suo utilizzo (nell’arco di tempo tra le 06.00 e le 23.00) la bicicletta dovrà essere riportata nella medesima rastrelliera da dove è stata prelevata e nelle medesime condizioni in cui era al momento del suo utilizzo.
«Attraverso questo intervento, cui va aggiunto quello che ha portato all’erogazione di un contribuito per l’acquisto di oltre 2000 biciclette nei centri di Foggia, Cerignola, Manfredonia e San Severo – ha precisato l’Assessore Pecorella – sarà possibile cominciare a costruire un sistema moderno di mobilità sostenibile urbana, che nei prossimi anni è nostra volontà potenziare ed ampliare».

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.