AttualitàDiomede Extra

Laura Boldrini in Biblioteca presenta “Una storia aperta” analisi lucida e trasversale sul tema dei diritti umani

Condividi

L’universalità dei diritti delle persone – diritti intesi come civili e sociali, e in alcun modo contrapposti – è il faro che da sempre guida Laura Boldrini, oggi parlamentare e già presidente della Camera dei Deputati, nella sua attività politica e lavorativa.

Venerdì 22 aprile, alle ore 18, Laura Boldrini sarà a Foggia dove, nell’auditorium della Biblioteca “La Magna Capitana”, l’attuale Presidente del Comitato permanente della Camera dei deputati sui  diritti umani nel mondo, incontrerà il pubblico di Capitanata, prendendo parte a un evento organizzato dalla libreria Ubik e dal Polo Biblio-Museale di Foggia.

L’occasione è data per la presentazione del suo recente libro, “Una storia aperta” (Gruppo Abele Editore, 2021) scritto con la giornalista Eleonora Camilli, nel quale l’ex Presidente della Camera  affronta temi oggi cruciali come xenofobia, neofascismi, nazionalismi e democrature europee, e molti altri aspetti connessi.

Un’analisi lucida e trasversale sul tema dei diritti che, nelle parole della stessa Laura Boldrini, anche se “accidentato, si può interrompere, ma non si ferma”.

A condurre la presentazione sarà Daniela Marcone, vicepresidente nazionale di Libera, dopo l’introduzione a cura della direttrice della Biblioteca, Gabriella Berardi, e del direttore artistico della Libreria Ubik, Michele Trecca.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.