LiveDiomede Extra

Alla “Massarìa”, tra delitti nella Roma medievale e Dante proibito, parte la rassegna “Saperi & Sapori”

Condividi

Dopo l’esordio del 15 luglio scorso, la rassegna “Saperi & Sapori. Libri, arte, tarallucci e vino”, prodotta da “la Massarìa – agriresort” e ideata da Paola Grillo che ne cura la direzione artistica. prosegue, nel contesto rurale della piana del Tavoliere, sulla Strada Provinciale 83 che collega Stornara a Orta Nova, lungo la Via Francigena, sul tracciato dell’antica Via Appia Traiana e fra i tratturi della Transumanza.

L’idea è quella di portare libri, scrittori e lettori allo scoperto, immergendosi nel verde de “la Massarìa” per far “assaggiare” arte, musica, poesia, storia, letteratura, economia e “finire a tarallucci e vino”, ma sul serio, continuando l’incontro con gli autori con un pre-cena al tramonto.

Dopo altri due incontri svoltisi a fine luglio, la rassegna riprenderà venerdì 26 agosto con l’illustratrice e scrittrice Florisa Sciannamea e le sue tavole illustrate e opere realizzate ‘en plein air’ tra i dieci ettari di campagna e i tre ettari di ulivi de “la Massarìa”, alle porte di Stornara.

Si chiude venerdì 2 settembre, con “Il giudicato”, l’Italia attraverso gli occhi dei Millenials, dell’imprenditore e scrittore Giuseppe Sciretta. Gli incontri e il pre-cena sono ad accesso libero e si svolgeranno tutti a “la Massarìa – agriresort”, SP 83, Orta Nova – Stornara.

Per informazioni sulla rassegna, sulle opere e sugli autori, si può fare riferimento alla direzione artistica e organizzativa di Paola Grillo: 339 670 7491. Per informazioni su “la Massarìa – agriresort”: 391 340 1010.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.