FocusAnno 2 N°4

Voglia di autonomia regionale

Condividi

In Capitanata tentativi volti a formare una regione autonoma od aggregarsi ad altra regione se ne sono registrati diversi. Tra i più significativi ricordiamo l’iniziativa della Camera di Commercio di Foggia che in due ordini del giorno auspicò, prima nel 1946 e poi nel 1947, l’autonomia del territorio dauno.
Non meno importante fu il tentativo dell’on. Carlo Ruggiero, membro del Comitato Promotore, che il 5 gennaio 1946 approntò un progetto affinché, in sede di Assemblea Costituente, fosse prevista la Regione autonoma della Daunia o, in subordine, si decidesse l’aggregazione dell’immenso territorio foggiano alla piccola regione molisana.
A suggerire tali iniziative, ragioni di carattere storico, sociale, economico e culturale che intendevano ribadire più affinità con il Molise che con la terra di Bari. Inutile dire che entrambe le richieste non sortirono gli effetti sperati.
Il progetto attuale più interessante è quello denominato “Moldaunia”, promosso dall’ing. Gennaro Amodeo (molisano di Venafro ma foggiano di adozione) risalente al dicembre 2002, che se anche, pare, abbia destato l’interesse di tanti cittadini, non riesce a trovare uno sbocco solutivo per mancanza di volontà politica.
È sicuramente vero che anche per ragioni centrifughe questo territorio sta subendo un ridimensionamento in tutti i settori vitali della realtà dauna a favore del capoluogo regionale, ma la difficile situazione politicoeconomica a livello di governo centrale si frappone come ostacolo alla richiesta di annessione al Molise, che appare legittima e naturale per l’affinità dei due territori.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.