Cultura VivaAnno 3 N°7

Una vita tra chine e fantasia

Condividi

 

Enzo Chiomenti nasce a Cerignola il 24 maggio 1930, mentre suo fratello Antonio il 25 aprile 1925. Inizia nel settembre 1948  a collaborare con Enzo Magni per i disegni di Pantera Bionda,Tom Bill, Tim, Soldino e altre storie. Dal 1949 collabora al ‘Vittorioso’ disegnando alcuni albi (Billy il Pirata, Sotto la valle dei Re, Il circuito delle due fabbriche, Giuoco pericoloso, El fantasma de la noche, Traguardo difficile). Tra il 1949 e il 1953 disegna alcuni albi per ‘L’Intrepido’. Nel 1951 ha una breve esperienza editoriale con la creazione di un personaggio femminile, Naja, una eroina della giungla. La collana, composta di 8 numeri, verrà conclusa per la Germania nel 2003.  Dal maggio 1951, con l’aiuto del fratello Antonio (che gli scriverà quasi tutte le sceneggiature), inizia una lunga collaborazione per l’editore Tomasina creando e disegnando molti personaggi: L’Eroe della California, Rex lo Sparviero, Pat Mascotte della Legione, Aquila del Mare, Jezab il Fenicio, Kocis Re dei Pellerossa, Kocis “Special” n° 1 e n° 2 (Albi Grande formato, 34 pagg. + copertine), Racà, Il Cavaliere Solitario, Il Piccolo Capitano, Nik il Piccolo Poliziotto, Il Cavaliere del Nord, Lo Sceicco Bianco, Albo Tris Panter Black (12 episodi + 4 copertine avanti/retro). Nell’ottobre 1955 disegna Panter Black (formato 118×167), I Tre della Stella Polare, Jim West, Bwana Jim. Contemporaneamente, dal 1953, disegna per le Edizioni ALPE copertine, diversi racconti brevi e le storie di Davy Krockett e Il Caporale del 7° Cavalleria, poi continuate in Francia per la LUG di Lione. Nel 1952-53 realizza alcune storie per l’Editore Torelli. Dall’inizio del 1959 inizia una assidua collaborazione con le Edizioni LUG di Lione realizzando molti personaggi tra i quali – oltre alla continuazione di Davy Krockett – Piccolo Caporale, Jim Mississipi, Johnnj Bourask, Mac, Trapper Jhon, Bob Stanley, Ivan Karine, Jean Brume. Nel 1963 collabora con l’editore Bonelli realizzando alcuni albi a strisce di Zagor. Da giugno 1959 e fino al 1986, collabora in maniera continua e costante con le Edition “Aventures & Voyages” (Mon Journal) di Madam Ratier a Parigi realizzando il fortunato e apprezzato personaggio di Marco Polo. Durante lo stesso periodo realizza diversi episodi di Brike le copertine di quasi tutte le pubblicazioni della casa editrice,per un totale di qualche migliaio. Dal 1970 è assunto in Kodak come responsabile e creatore di promozione pubblicitaria soprattutto per la diffusione della fotografia nelle scuole. Con il fratello Antonio crea molti programmi multivisivi. Contemporaneamente continua a disegnare per il fumetto in Francia. Dal 1990 collabora con alcuni editori tedeschi – Norbert Hethke Verlag (Schönau), Groth Verlag (Berlin), Comic Archiv Verlag / Metzger (Fürth) – disegnando alcuni episodi di Nizar e diversi rifacimenti di copertine di antichi suoi personaggi. Nel 2003 avvia breve collaborazione con le edizioni EPIERRE di Gianni Bono con copertine e illustrazioni di alcune storie di Miki e Grande Blek.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.