Cultura VivaAnno 2 N°5

San Marco in Lamis “Sovversivi” in…mostra

Condividi

Il Centro di documentazione sulla storia e la letteratura dell’Emigrazione celebra il suo primo decennio di vita organizzando una pregevole mostra documentaria intitolata “La perquisizione ha dato esito negativo. Emigrazione e controllo politico in Capitanata dal 1896 al 1943”.
La mostra, che si è tenuta dal 9 al 13 dicembre scorso presso la sala convegni “Artefacendo” (ex Biblioteca comunale) a San Marco in Lamis, ha inteso essere un’occasione per riflettere sulle esperienze migratorie dalla nostra regione, con specifico riferimento alla Capitanata. In particolare, la mostra ha richiamato l’attenzione sull’esperienza dei “sovversivi” che, per ragioni politiche o altro, si videro costretti nella prima parte del Novecento a lasciare i loro paesi per recarsi verso “nuove terre”. Scopriamo così che oltre a Nicola Sacco, emigrato da Torremaggiore nel 1907, si trovavano già in America decine di “fuoriusciti” socialisti e anarchici da Casalvecchio di Puglia e da Casalnuovo Monterotaro. Troviamo poi esponenti di spicco della sinistra di Capitanata, come Luigi Leonardo Ricucci di Rodi Garganico e Leone Mucci di San Severo, entrambi emigrati negli Stati Uniti.
Per ultimi, ma non meno importante, i “sovversivi” di San Marco in Lamis, che contribuirono, per primi, ad aprire le porte verso una nuova mèta: l’Australia, verso la metà degli anni ’20. Con l’inaugurazione della mostra, giovedì 9 dicembre, si è svolto anche un incontro con gli storici Michele Galante e Michele Presutto (curatore della stessa), moderato dal presidente del Centro Emigrazione Matteo Coco.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.