Cultura VivaAnno 1 N°1

Politica, economia e cultura di Capitanata viste da ‘Sudest’

Condividi

Ha da poco spento le sue prime cinque candeline ‘Sudest’, la rivista dedicata all’attualità e all’approfondimento di temi politici, economici e sociali della Puglia e del Mezzogiorno, fondata e diretta a Manfredonia da Franco Mastroluca. Tre le sezioni in cui è organizzata la rivista: «Quadrante» che affronta con chiavi di lettura diverse – l’inchiesta, l’intervista, il saggio, il dossier – i temi dell’attualità politica, economica e sociale. Una seconda ampia sezione è dedicata alla memoria, alla storia o alla cronaca del movimento popolare, alle sue tradizioni comunista, socialista, cattolica, della provincia di Foggia. La terza sezione, «Strumenti», propone ai lettori una guida ragionata ai provvedimenti, alle norme, alle notizie, alle letture, allargando la lente dalla Capitanata a tutta l’Unione Europea.
Ogni volume di ‘Sudest’ è mediamente composto di 144 pagine, con la cura grafica affidata a Maria Grazia Di Gennaro. La rivista nasce per iniziativa del manfredoniano Franco Mastroluca, già parlamentare dei DS, non nuovo a esperienze giornalistiche. La rivista non è l’unico prodotto della piccola ma vivace casa editrice sipontina. Periodicamente le Edizioni Sudest pubblicano volumi anche di una certa qualità come i recenti “Geopolitica del turismo” (di Giuseppe Bettoni e Beatrice Giblin), “Dalla Repubblica all’assassinio Moro: storia elettorale della Capitanata” (di Michele Galante), gli agili volumetti curati da Salvatore Speranza sulla Capitanata dal 1948 al 1958, raccontati in presa diretta dai protagonisti politici dell’epoca, fino al fresco di stampa “La sinistra è un bene sopportabile? Pensieri, aforismi e pretesti”, curato dallo stesso Franco Mastroluca.

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.