Cultura VivaAnno 1 N°1 NS

La prima Sagra dell’arancio di Rodi Garganico

Nell’atmosfera dei reportage del “Faro” e della Settimana Incom

Condividi
Nel 1950 aveva luogo a Rodi Garganico una grande kermesse seguita dalla stampa locale e nazionale con suggestivi videoreportage e foto Il reportage del 31 maggio 1950 del giornale “il Faro” di Vieste, firmato da Nicola Mendolicchio, ci fa respirare la particolare atmosfera della prima “Sagra degli aranci” di Rodi Garganico: “Un delizioso profumo di zagare ci ha dato il primo saluto. È il mormorio delle canne ondeggianti nei giardini e gli echi frangenti del mare e il canto degli uccelli ci dicevano, in dolce armonia, che Rodi era in festa. Infatti la piazza è adorna di rami di arancio [Read More]

Questo contenuto è consultabile solo dagli abbonati.
Per visualizzare questo contenuto, dovrai acquistare l'abbonamento.
Se sei già un abbonato, accedi utilizzando il mio account

Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.
Il ritorno di "Diomede". Come abbonarsi
Abbonarsi a una rivista come “Diomede” non significa solo assicurarsi le copie cartacee e digitali previste in un anno. Significa condividere una sfida, incoraggiare in maniera concreta un progetto editoriale a diventare adulto. Chi si abbona, ci consente di pubblicare “la rivista più bella mai esistita a Foggia”, come l’hanno a suo tempo definita.